Ruota il dispositivo per accedere correttamente ai contenuti del sito.

Share
Facebook Twitter

La nostra storia

La nascita:

La "Cassa Rurale Cattolica di Mezzolombardo" venne fondata il 27 novembre 1902. L'assemblea costitutiva ebbe luogo nella sede della Società agricola operaia cattolica in piazza delle Erbe su iniziativa del suo presidente, il barone Eugenio Unterrichter.

Il compito di verbalista e segretario fu affidato a don Giovanni Cortelletti. I 33 soci fondatori approvarono all'unanimità lo statuto e nominarono le cariche sociali. L'assemblea deliberò inoltre l'adesione della Cassa Rurale alla Federazione dei Consorzi Cooperativi, organismo di assistenza e controllo delle cooperative, nato nel 1895 su idea di don Lorenzo Guetti, padre della cooperazione trentina.

Gli articoli principali dello Statuto:

Lo Statuto votato all'unanimità dai soci nell'assemblea costitutiva indicava all'art. 2 le finalità della Cassa rurale "...La società ha lo scopo di migliorare le condizioni economiche e per questo mezzo anche le condizioni religioso-morali dei propri soci...." Nell'articolo successivo si precisava che la Cassa mirava a raggiungere il suo scopo "....a) col fornire ai propri soci nei modi determinati dal presente statuto il denaro necessario per l'esercizio dei loro affari, della loro economia agricola e della loro arte od industria b) coll'offrire loro l'opportunità di collocare a frutto il loro denaro c) col favorire la fondazione di consorzi di consumo, di vendita e di produzione accordando all'uopo prestiti ed aprendo crediti..."

La religiosità del socio era un requisito fondamentale ai fini dell'ammissione nella Cassa Rurale.

La quota sociale venne inizialmente fissata nella misura di cinque corone.

La prima sede:

Sede iniziale della Cassa Rurale fu un locale preso in affitto al primo piano di una palazzina in piazza delle Erbe a Mezzolombardo.

Nel 1906 venne acquistata la prima sede di proprietà della Società al civico 248 di piazza S. Giovanni (vicino alla Chiesa Parrocchiale).

Fin dai primi anni la Cassa Rurale consentì ai propri soci di ottenere credito a condizioni più favorevoli di quelle che avrebbero trovato sul mercato.

Non mancarono le iniziative di solidarietà alle associazioni del territorio e la collaborazione con le consorelle vicine in particolare con la Cassa Rurale di San Michele all'Adige.

Lo scoppio della guerra:

Nel 1930 i soci erano 185. Il periodo compreso tra il 1915 e il 1945 ovvero il trentennio che vide lo scoppio delle due guerre mondiali, rappresentano anni di forti difficoltà economiche/finanziarie che coinvolsero direttamente anche le attività della Cassa Rurale. Ancora maggiori le difficoltà furono nel periodo della gravissima crisi internazionale degli anni 30 e il periodo sotto il fascismo. Nel 1937 si sfiorò la liquidazione della società, ma grazie al sostegno di alcuni soci e delle autorità del paese, il pericolo di liquidazione fu scampato.

Nel 1950 l'assemblea convocata in seduta straordinaria approvò il nuovo statuto sociale. Alla fine degli anni '60 i soci erano 133, i depositi pari a 271.563.856 lire mentre i prestiti erano 122.546.264

Nel 1965 i soci all'unanimità accolsero la proposta del Consiglio di Amministrazione di acquistare l'immobile sito in Corso del Popolo 22, da adibire a nuova sede della Cassa Rurale, che è anche l'attuale.

Si trattava dell'ex caserma dei carabinieri.

L'inizio dell'espansione:

Il 20 aprile del 1972 venne inaugurata la filiale di Spormaggiore, accogliendo la richiesta della popolazione del paese da anni impegnata per ottenere uno sportello bancario.

Gli anni 80 furono caratterizzati da un forte sviluppo delle attività della Cassa Rurale. Si rese necessaria la ristrutturazione dei locali della Sede di Mezzolombardo e i soci passarono a fine 1985 a 382, i depositi a 29.703.975.055 lire mentre i prestiti si attestarono a 10.133.037.724 lire.

La fusione con San Michele all'Adige:

Un grande avvenimento fu la fusione con la consorella di San Michele all'Adige. In due assemblee tenute a S. Michele il 1^ maggio 1993 e a Mezzolombardo il successivo 8 maggio, i soci delle due istituzioni decisero di dar vita ad un'unica cooperativa di credito, denominata "Cassa Rurale di Mezzolombardo e San Michele all'Adige". La fusione ebbe effetto a partire dall'1 gennaio 1994.

Avvenimenti recenti:

Gli ulteriori avvenimenti sono storia recente. L'apertura di un nuovo sportello nella frazione di Grumo di San Michele all'Adige (1995), la ristrutturazione dei locali della Sede di Mezzolombardo (1994-1996) e delle Filiali di San Michele all'Adige (1997) e di Faedo (1998) , il trasferimento della filiale di Spormaggiore (1998) in una nuovissima struttura, l'apertura di una nuova Filiale in loc. Rupe a Mezzolombardo (2002).

Il 25-26 maggio 2002 con una imponente festa di paese si è festeggiato il centenario di fondazione della Cassa Rurale di Mezzolombardo e San Michele all'Adige; in quell'occasione si è avuta la testimonianza che nonostante siano trascorsi oltre cento anni dalla sua costituzione la Cassa Rurale è ancora oggi una banca locale, una banca al servizio delle comunità e dei propri soci.